Menu

Green pass anche per colf e badanti

Green pass anche per colf e badanti

Il Consiglio dei ministri ha approvato all'unanimità il decreto che estende l'obbligo di green pass a tutti i lavoratori del settore pubblico e privato. Nonché per le colf, le baby sitter, le badanti.

Dal prossimo 15 ottobre 2021 all'interno di un nucleo famigliare, con soggetti fragili o meno, il capo famiglia, o il datore di lavoro dovrà ora chiedere l'esibizione del green pass vaccinale come condizione all'attività lavorativa, evitando così di incorrere in sanzioni amministrative che possono variare dai 600 a 1.500 euro .

Se il lavoratore non ce l'ha, non vuole vaccinarsi o se per questioni di privacy non lo vuole esibire, si procede alla risoluzione del rapporto di lavoro. Il licenziamento è possibile perché viene a mancare il rapporto di fiducia, su cui si basa il contratto di lavoro domestico.

Da settembre in partenza due nuovi corsi di formazione per colf

Da settembre in partenza due nuovi corsi di formazione per colf

Le Acli di Treviso organizzano due nuovi corsi di formazione INTERAMENTE GRATUITI per lavoratrici/tori domestici e/o disoccupati finanziato da Nuova Collaborazione.

Il primo inizia a settembre, il secondo a novembre 2021.

CHI PUO' PARTECIPARE
Possono partecipare persone maggiorenni, italiane e straniere (con regolare permesso di soggiorno), che abbiano maturato negli ultimi 3 anni almeno 12 mesi di lavoro come assistente familiare e/o domestico e che non abbiano già frequentato il corso. E' necessaria la comprensione della lingua italiana.

CONTENUTI DEL CORSO
Il corso dura 40 ore e si articola in due moduli.

  • Il primo modulo tratterà temi di economia domestica e gestione della casa come pulizie quotidiane, raccolta differenziata, prestando attenzione al rispetto dell’ambiente e acquisto di materie prime per la preparazione dei pasti (con gestione cucina).
  • Il secondo modulo verterà sul contratto di lavoro nazionale con il suo recente rinnovo, sull’identità professionale, sulla prevenzione agli incidenti domestici.

Molta attenzione sarà data durante le lezioni ad affrontare queste tematiche tenendo ben a mente le disposizioni in materia di sicurezza e tutela dal Covid-19.

Gli argomenti saranno trattati in modo da poter superare l’esame di certificazione EBINCOLF con delle prove d’esame fac – simile somministrate dopo ogni argomento.

Tutti i partecipanti che certifichino almeno l’80% di presenze alle lezioni riceveranno l’attestato di partecipazione.

DATE E LUOGO DEL CORSO
Le lezioni si svolgeranno online tramite la piattaforma Zoom. La parte pratica sarà svolta in presenza.

Le date del corso di settembre ottobre 2021 sono: 16.9, 21.9, 23.9, 28.9, 30.9, 5.10, 7.10, 12.10, 14.10, 19.10, 21.10, 26.10, 28.10 in orario pomeridiano.

ISCRIZIONI
Per iscriversi è necessario inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Verranno richiesti i seguenti documenti:

  • scheda di iscrizione compilata
  • carta di identità (o permesso di soggiorno per non comunitari)
  • codice fiscale
  • estratto contributivo

INFORMAZIONI
Per avere informazioni scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure compilare l'apposito modulo e si verrà ricontattati.

Collaborano all'organizzazione Promos srl SB e Nuova Collaborazione (Associazione Nazionale Datori di Lavoro Domestico).

Afghanistan: le iniziative Ipsia - Acli in Italia e in Europa

Afghanistan: le iniziative Ipsia - Acli in Italia e in Europa

Le Acli esprimono preoccupazione per quanto sta succedendo in Afghanistan e rilanciano il loro appello alle istituzioni nazionali e sovranazionali affinché vengano organizzati dei corridoi umanitari per salvare più vite possibile e per garantire un futuro alle donne e agli uomini di una terra martoriata.

Nello stesso tempo le Acli vogliono fare la loro parte in Europa e in Italia. Oltreconfine, l’Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli (Ipsia Acli), è presente e opera da diversi anni, in collaborazione con la Caritas e la Croce Rossa, a favore dei profughi che cercano di entrare in Europa via terra. Oggi, su oltre 10mila rifugiati ufficialmente censiti, gli afgani, dopo i pakistani, sono il secondo gruppo per numero di presenza e i numero è destinato a salire purtroppo in concomitanza con l’arrivo della stagione autunnale, non sempre mite, e di quella invernale che è addirittura invivibile. Ecco perché, con Ispia, ci siamo mobilitati per una raccolta fondi a favore dei programmi di prima accoglienza.

In Italia le Acli nazionali, organizzano un’accoglienza diretta ospitando in strutture proprie famiglie di afgani. Già dalla prossima settimana, in collaborazione con altre organizzazioni umanitarie italiane, saranno messi a disposizione i primi alloggi in cui ricevere famiglie in fuga dai regime talebano. In seguito anche la rete interna dei nostri servizi promuoverà interventi di seconda accoglienza al fine di assicurare la tutela, la promozione e il riconoscimento dei diritti di queste persone.

Qui di seguito le coordinate bancarie e postali per sostenere la prima accoglienza dei profughi afgani in transito sulla Rotta Balcanica.

BANCA POPOLARE ETICA
IBAN: IT35S0501803200000011014347
INTESTATO A: IPSIA
Codice BIC Swift: CCRTIT2T84A
 CONTO CORRENTE POSTALE
Numero: 1051449377
Intestato a: Istituto Pace Sviluppo Innovazione ACLI – IPSIA
Bonifico postale: IT60C07601600001051449377

Corri in rosa a San Vendemiano il 3 ottobre

Corri in rosa a San Vendemiano il 3 ottobre

E' organizzata per domenica 3 ottobre 2021 la settima edizione della "Corri in rosa" manifestazione promozionale Us Acli riservata alle sole donne. T-shirt ufficiale dell'evento garantita alle prime 4.000 iscritte. Due i percorsi di 6.5 km e 13 km.

Parte del ricavato sarà devoluto in beneficienza all'associazione "Lotta contro i tumori Renzo e Pia Fiorot".

Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira