Menu

E..state a colori con IPSIA

E..state a colori con IPSIA

Le ACLI Provinciali di Treviso in collaborazione con Ipsia Treviso mercoledì 25 maggio alle 19,30 organizzano una serata all’Eden Cafè (Viale XV luglio,1 - Treviso) per presentare i campi di volontariato internazionale. Invitiamo tutti i ragazzi dai 18 ai 30 anni a partecipare alla presentazione.

I campi di volontariato internazionale si svolgeranno in Brasile, Kenya, Mozambico, Moldova, Kosovo, Bosnia Erzegovina, Albania ed i volontari saranno coinvolti in attività di animazione, sport e turismo consapevole.

L’obiettivo è quello di permettere ai bambini che non hanno la possibilità di andare in vacanza di occupare parte delle loro estati insieme ad altri bambini, imparando nuovi giochi e conoscendo persone provenienti da altri paesi. Lo sport invece ha valenza educativa ed aggregativa.

I percorsi di turismo consapevole sono una delle modalità di conoscenza del contesto permettono al volontario una maggiore comprensione del luogo, della cultura e delle tradizioni locali.

Le iscrizioni ai campi termineranno il 13/06/2016.

Per tutte le informazioni visitate il sito www.terraliberta.org

 

Aiutaci a sostenere la campagna "Alimentare lo Sviluppo" promossa da IPSIA Acli e dalla nostra associazione di volontariato Ipsia Treviso!
Ipsia treviso partecipa al progetto "We love people" organizzato dall'azienda Ali Supermercati.

Nel mese di maggio presso il punto vendita Ali di Santa Bona (via nicola di fulvio 20, treviso) sarà infatti possibile destinare il gettone che riceverete al momento della spesa nell'urna contenente l'immagine con il logo di Ipsia Treviso.

Contribuirai così a promuovere lo sviluppo di alcune comunità rurali in Kenya, Senegal e Kosovo, attraverso i nostri progetti che sostengono un’agricoltura familiare, l’utilizzo sostenibile delle risorse e la creazione in loco di filiere di trasformazione dei prodotti.

Grazie in anticipo per il prezioso aiuto!!

 

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira