Menu

Congresso US Acli Treviso: Claudia Ceron confermata presidente

Congresso US Acli Treviso: Claudia Ceron confermata presidente

CLAUDIA CERON E’ STATA RICONFERMATA PRESIDENTE
U.S. ACLI DI TREVISO

Rieletta all’unanimità dal Congresso provinciale dell’Unione Sportiva Acli tenutosi questa mattina in modalità online
Nominato anche il nuovo Consiglio.

Claudia Ceron è riconfermata per il terzo mandato a presidente dell'U.S. Acli di Treviso.
E' stata rieletta dal Congresso provinciale dell'Unione Sportiva Acli che si è tenuto oggi, sabato 30 gennaio 2021 in modalità online causa Covid e che, nell'occasione, ha scelto i componenti del nuovo consiglio.

Nata nel '63, sposata, ha due figlie e vive a Roncade. E' vicepresidente dell'ASD Scuola Danza Roncade dove insegna danza classica secondo il metodo della Royal Academy of Dance.

“Quanto è complesso in questo tempo di Covid poter balbettare qualcosa di senso sul presente e soprattutto sulle prospettive dello sport sociale – ha detto nella sua relazione la Ceron -. La pandemia ha messo a dura prova i fondamentali stessi del nostro modo di essere associazioni sportive dilettantistiche e ci sta chiedendo una seria riflessione su come diventare sempre più “resilienti” e nello stesso tempo “protagoniste” anche di questi tempi che prefigurano importanti cambiamenti. Perchè, una cosa è certa: quando torneremo ad aprire le palestre, a fare attività, ad aggregare ragazzini o anziani, saremo chiamati ancora di più di prima ad essere propulsori di inclusione sociale per contrastare l’isolamento e l’emarginazione, e favorire il benessere e la crescita ad ogni età”.

L’Unione sportiva Acli conta oggi oltre 2.500 associati, tra i tre e i novantasei anni, e 35 società affiliate che praticano oltre una ventina di discipline sportive, dalla danza alle arti marziali, dalla ginnastica dolce alle bocciofile. Numerose le iniziate che vengono patrocinate – dalle gare di atletica alle manifestazioni di ginnastica artistica, dalle marce podistiche alle arti– oltre agli eventi direttamente organizzati dall'unione sportiva, come la festa provinciale dello sport o il campionato nazionale U.S. Acli maratona dentro alla Treviso Marathon. Diverse anche le occasioni formative.

“Il mandato forte che sento di affidare al gruppo di persone che assumeranno l’onore e l’onere di traghettare l’U.S.Acli nei prossimi quattro anni, è quello di saper leggere i segni dei tempi, interpretare i cambiamenti e, soprattutto, riuscire ad individuare nuovi germogli di bene per costruire, quando potremo di nuovo ritrovarci, un presente e un futuro buono per tutti – ha ribadito Claudia Ceron -. Il mondo del sistema sportivo deve essere sostenuto e soprattutto tutelato, attraverso proposte e azioni concrete che siano reali forme di sostegno alle associazioni e tutte le persone che ne fanno parte”.

“Ci rivolgiamo alle istituzioni – ha concluso la presidente - affinché non abbandonino lo sport, perché è un modello educativo e formativo che deve essere priorità per il nostro Paese. Occorre ripensare a interventi strutturali e accessibili per e da tutti, alle grandi e piccole realtà sportive. Occorre proporre soluzioni reali che non siano bonus click-day e sospensioni di pagamenti. Occorre comprendere e valorizzare lo sport, nella sua veste sociale, perché possiede un linguaggio universale in grado di costruire dialoghi tra culture, territori e generazioni diverse. Occorre dare strumenti concreti per la ripresa e il proseguimento delle attività sportive, in totale sicurezza. Tutto questo va costruito a partire da ora, per essere pronti quando lentamente andremo verso il post pandemia. E lo dovremo fare insieme alle organizzazioni sportive di secondo livello, agli enti pubblici, coinvolgendo il terzo settore e se necessario anche il mondo del profit e delle aziende

Il nuovo consiglio eletto oggi, che a breve nominerà anche la nuova presidenza dell'Unione Sportiva Acli, è così composto: Bordoli Giuseppe, Carta Fiorenza, De Carlo Paolo, Drusian Rita, Mazzer Tiziano, Rigato Tarcisio, Soldà Giulia, Zenga Barbara.

Altro in questa categoria:« #iorestoacasaefacciosport
Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira