Menu

Regolarizzazione: domande entro il 15 agosto

Regolarizzazione: domande entro il 15 agosto

Tra le misure previste dal Decreto “Rilancio” per rispondere alla crisi economica e sociale causata dall’emergenza sanitaria, un’attenzione particolare è stata dedicata anche al tema del lavoro irregolare in Italia.
Due le procedure previste: una per la REGOLARIZZAZIONE degli stranieri presenti sul nostro territorio e una per l’EMERSIONE di rapporti di lavoro che coinvolgono cittadini italiani, comunitari e stranieri. 

La prima procedura è rivolta ai datori di lavoro che intendano concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio o che vogliano dichiarare la sussistenza di un lavoro irregolare in corso con cittadini italiani o stranieri presenti sul territorio prima dell’8 marzo.
Il costo stabilito per la sola procedura è pari a 500€ a cui si aggiungerà, per i rapporti di lavoro già esistenti, un contributo forfettario ancora non determinato. 
Lo straniero ottiene un permesso per lavoro della durata del contratto. 

La seconda procedura è rivolta a stranieri titolari di un permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, che risultino presenti in Italia alla data dell’8 marzo 2020 e che abbiano lavorato nei settori interessati dalla regolarizzazione prima del 31 ottobre 2019.
Il costo stabilito per questa procedura è pari a 130€.
Con questa procedura il cittadino straniero potrà ottenere un permesso di soggiorno temporaneo della validità di 6 mesiche potrà convertire in permesso di lavoro avviando un rapporto di lavoro nei settori interessati. 

Entrambe le procedure si applicano solo ai seguenti settori produttivi:
agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse
assistenza alla persona per sé stessi o per componenti della propria famiglia, ancorché non conviventi, affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza 
lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare

Le domande si potranno presentare dall’1 giugno al 15 agosto 2020 e NON ESISTE UN LIMITE MASSIMO DI DOMANDE PRESENTABILI.
La regolarizzazione è un’occasione importante per contrastare l’invisibilità e dare dignità giuridica alle persone facendole uscire dall’illegalità, anche e soprattutto attraverso percorsi e processi legali. 
Per questa ragione suggeriamo di procedere con grande attenzione e prudenza, a non credere a chi afferma di avere tutte le informazioni necessarie e di poter garantire il successo delle domande inviate; e soprattutto, consigliamo ai lavoratori di non dare fiducia a chi offre contratti falsi o false dichiarazioni di sanatoria dietro pagamentoSono reati che non portano ad alcun permesso di soggiorno! 

La domanda
Per chiarimenti o per assistenza nell’invio delle due diverse istanze vi invitiamo a rivolgervi sempre ai canali istituzionali. 

Contatta il nostro Patronato per fissare appuntamento

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira