Menu

Lavoro domestico: come gestire le ferie estive

Lavoro domestico: come gestire le ferie estive

Si avvicina la calda stagione e molti stanno già organizzando le tanto sospirate vacanze. Ma quanti sono i giorni di ferie nel lavoro domestico e come gestirli? Vediamolo insieme. 

Il nostro caso: 

Jamila lavora presso il signor Giorgio da ormai 10 anni. Lo scorso anno non ha preso giorni di ferie, ma quest’anno vorrebbe tornare in Luanda e ritrovare i suoi famigliari che non vede da due anni. Quanti giorni di ferie le spettano? 

Quanti sono i giorni di ferie? 

Il CCNL del lavoro domestico prevede che ogni anno i lavoratori possano usufruire di 26 giorni di ferie. Il numero dei giorni NON varia in base alla durata del contratto o all’orario settimanale svolto. 

Come vanno prese le ferie? 

Le ferie, in genere, devono essere usufruite in modo continuativo dal lavoratore e possono essere ripartite in non più di due periodi per ciascun anno. Il lavoratore deve poter godere di almeno due settimane entro il primo anno di maturazione e altre due settimane entro 18 mesi successivi. 

Si possono cumulare le ferie negli anni? 

Ad eccezione di quanto abbiamo descritto precedentemente, se un lavoratore non italiano vuole fare rientro nel suo paese di origine può, con l’accordo del datore di lavoro, cumulare le ferie per due anni. 

Il nostro caso: 

In accordo con il signor Giorgio, Jamila quest’estate potrà tornare nel suo paese per due mesi e riabbracciare la sua famiglia.  

Sei un/una assistente domestico/a e hai bisogno di una consulenza sul tuo contratto di lavoro? Prenota un appuntamento con lo sportello Mondo Colf del Patronato Acli

Donatella Raggi 

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira