Menu

Sospeso per il Coronavirus, riparte da agosto 2020 il percorso congressuale delle Acli che sono chiamate e a rinnovare i propri organi dirigenti a partire dalle strutture di base fino al livello nazionale.

A breve sarà individuata la data trevigiana del Congresso.

Il titolo, e il filo conduttore, è "ACLI 2020 PIU' EGUALI: VIVIAMO IL PRESENTE, COSTRUIAMO IL DOMANI"

Anche su questo esercizio di democrazia, che non è un mero passaggio formale, si misura la forza della partecipazione e del dialogo di una associazione come la nostra che fa bandiera del suo essere “popolare”.

In tutti i circoli e in provincia si tengono dunque i congressi con l’elezione dei consiglieri che poi provvedono a designare i nuovi presidenti.

Si dice che un albero sia un seme che esplode lentamente: come a dire che un’intuizione, un incontro di idee si può trasformare in una storia, in tante storie umane. E poi ancora in un certo modo di vedere e fare le cose, in un’organizzazione operativa e in un radicamento territoriale.

Ed è anche per questo che si fa un congresso: per rileggere la nostra storia alla luce della storia degli altri e del mondo in cui viviamo, per condividere un pensiero e delle cose da fare, per scegliere delle persone che si assumeranno un compito. Queste forze innervano le radici e permettono alla nostra storia di aprirsi al futuro. Sole o pioggia, successi o difficoltà fanno crescere quello che era un seme, un grande compito, come lo definì Achille Grandi.

La storia delle Acli nasce oltre settant’anni fa. E nasce come un’intuizione che chiama i lavoratori e li colloca tra la fede e la politica: cioè in una evidente contraddizione, in una irriducibile tensione. Essere insieme lavoratori, pellegrini e cittadini nella stessa persona, senza negare alcuna di queste dimensioni, è un grande compito: è un grande inizio.

Oggi siamo ancora qui: in questo paese, in questo momento. Con la nostra organizzazione, i nostri circoli e nuclei, i nostri servizi, il nostro modo di vedere le cose.
Tutto è diventato più difficile: le risorse sono più scarse e il compito è più arduo.
Si deve lavorare “di più” con “di meno”.

Fin da ora le Acli ringraziano quanti negli ultimi 4 anni si sono impegnati con ruoli apicali nell’organizzazione ed auspicano che anche in questa occasione si traccino le linee del percorso futuro, che siano sostanziali prima che formali.

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira