Menu

Il cuore non dimentica, spettacolo teatrale a Montebelluna

Il cuore non dimentica, spettacolo teatrale a Montebelluna

Il cuore non dimentica è un recital, con i testi di Marisa Basso e la regia di Fabrizio De Grandis, composto dall'alternanza tra brevi scene teatrali, letture di poesie e racconti, e brani musicali eseguiti dal vivo.

Un viaggio dentro il mondo del morbo di Alzheimer, e più in generale dentro il mondo della demenza che ci accompagna in un percorso di scoperta e conoscenza degli uomini e delle donne che soffrono.

Quando e dove

L'appuntamento è il 14 dicembre 2018, alle ore 20.30 presso la Casa di riposo Umberto I, in via Ospedale 54 a Montebelluna.

L'evento è promosso dall'associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X con la Filodrammatica Bepi Sarto, Fata Morgana Teatro, il circolo Acli di Montebelluna, la Fap Acli di Treviso e l'associazione RieseSpettacolo.

Il recital

Il cuore non dimentica si prefigge di essere un'occasione di crescita collettiva: i tempi che viviamo ci insegnano e ci confermano sul concetto che la non conoscenza dell'alterità porta a paura e ad erigere muri ideologici. Conoscere e comprendere la persona che soffre di demenza crediamo possa far migliorare la sua integrazione riducendo lo stigma che si porta appresso come eredità di scarsa/mancata conoscenza.

Il cuore non dimentica nasce dagli scritti di Marisa Basso che della propria esperienza di figlia di una madre sofferente di morbo di Alzheimer ha voluto dare testimonianza scritta - con il risultato di trasmetterci una bella storia d'amore tra due persone, madre e figlia - per far sì che la propria esperienza possa essere di aiuto a comprendere ad amara chi è stato colpito da questa grave malattia.

Il cuore non dimentica sintetizza nel suo titolo il messaggio che chi soffre di demenza perde la memoria, dimentica.... ma il suo cuore non dimentica e continua ad amare e soprattutto continua, ancora più di quello delle persone che di demenza non soffrono, ad aver bisogno di essere amato.

Il cuore non dimentica è una testimonianza offerta a tutti i familiare delle persone colpite da demenza che con caparbietà hanno cercato e cercano, con il loro amore di tutti i giorni, di far proseguire la vita dei loro cari con un po' di gioia, un po' di serenità come meritano.

Il cuore non dimentica è uno spaccato su una lezione di vita. L'incontro con la persona "Altra" è sempre una grande opportunità di crescita personale, perciò mai dovrebbe essere fonte di paura e di chiusura.

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira