Menu

Servizio civile, i progetti di Ipsia e Acli anche all'estero

Servizio civile, i progetti di Ipsia e Acli anche all'estero

Le Acli e Ipsia sono alla ricerca di candidati per il Bando Volontari di Servizio Civile Nazionale anche per i progetti all'estero. Il bando si chiuderà il 28 settembre 2018, termine ultimo per l'invio della propria candidatura.

Si tratta di una esperienza a cui possono prendere parte giovani tra i 18 ed i 28 anni e 364 giorni, italiani e stranieri purchè residenti in Italia, che abbiano voglia di mettersi in gioco su temi come la povertà educativa, la cittadinanza attiva, la migrazione, il turismo responsabile, la tutela dell'ambiente e la cooperazione allo sviluppo.

Il progetto all'estero

L'ong Ipsia attraverso le Acli gestirà il progetto "Affacciati ad altri balconi", che vedrà 16 volontari impegnati in attività di cooperazione allo sviluppo in Albania, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Romania, Moldavia, Kenya, Senegal e Mozambico

Il progetto si propone di contribuire a rafforzare la resilienza delle comunità nelle quali si intende lavorare. In contesti così precari è fondamentale concentrarsi su programmi semplici e flessibili che sviluppino contemporaneamente le capacità governative delle comunità, ed in particolare la capacità di rispondere in maniera adeguata a situazioni di crisi economico-sociali ed ai disastri naturali.

In Bosnia Erzegovina i volontari saranno impiegati anche in attività di supporto alla Croce rossa locale impegnata nell'assistenza dei migranti a Bihac e dintorni.

Per informazioni

L'impegno richiesto ai candidati idonei selezionati sarà di 1.400 ore per tutto l'anno, ricompensato con un contributo di circa 430 euro al mese, al quale (solo per i progetti all'estero) si aggiunge una indennità per ogni giorno effettivamente trascorso al di fuori del territorio nazionale, che copre il vitto e l'alloggio ed il cui ammontare cambia a seconda del Paese in cui si presta servizio.

Se sei interessato, contatta il numero 06 5840400 o 02 7723227. Per inviare la candidatura ESTERO visita il sito www.acliserviziocivile.org.

Fonte:www.ipsia-acli.it

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira