Menu

Relazionarsi con il diverso: viaggio attraverso disabilità e pregiudizi

Relazionarsi con il diverso: viaggio attraverso disabilità e pregiudizi

“È un’occasione ricca, una possibilità unica di entrare in relazione con il mondo della scuola e della disabilità” attraverso la mediazione del lavoro. Martedì 29 maggio a Montebelluna Laura Vacilotto, presidente provinciale delle Acli, ha aperto così l'incontro “Relazionarsi con il diverso. Oltre i pregiudizi”.

Questa tavola rotonda non è che il momento finale di un percorso, un'occasione di dialogo tra studenti e professori, con i centri per disabili che li hanno accolti e con la giornalista Alessia Bottone, autrice di documentari sulle barriere architettoniche e la disabilità visiva.

Salutato con favore dagli assessori Dino Bottin e Claudio Borgia del Comune di Montebelluna, il lavoro di questi mesi è stato premiato anche con un piccolo dono per le scuole, realizzato proprio dagli utenti dei centri.

Il progetto “RelAzionarsi con il diVerso”

Quasi 500 ragazzi e ragazze tra marzo e maggio hanno partecipato al progetto “RelAzionarsi con il diVerso”, promosso dalle Acli provinciali di Treviso in collaborazione con gli istituti superiori Einaudi Scarpa e Levi di Montebelluna e 26 centri per disabili del territorio.

Ventuno classi hanno affrontato un percorso in aula con gli operatori delle Acli, prima di vivere una giornata di conoscenza e volontariato all'interno di uno delle strutture, a stretto contatto con gli utenti e gli operatori dei centri lavoro guidato, dei CEOD e dei CERD coinvolti.

Gli studenti hanno partecipato alle attività lavorative, svolgendo i laboratori manuali e i compiti quotidiani insieme agli ospiti, e assistendo anche ad alcune attività fisiche previste per la riabilitazione. Dopo questa esperienza, alcuni di loro hanno autonomamente preso contatto con i centri in cui sono stati per proseguire l’esperienza svolgendo volontariato durante l'estate.

A confronto con gli stereotipi

La giornalista veronese Alessia Bottone, impegnata da anni sui temi della disabilità, ha partecipato alla tavola rotonda per approfondire quei pregiudizi che i progetti come “RelAzionarsi con il diVerso” si impegnano a smontare.

Nel 2017 Alessia Bottone ha passeggiato con una telecamera nascosta nel centro di Verona insieme alla collega Valentina Bazzani, in sedia a rotelle da quando aveva 12 anni. “Volevamo sperimentare e testimoniare come fosse quasi impossibile trascorrere un normale sabato pomeriggio di shopping a causa delle barriere architettoniche”.

Dopo aver documentato tutto questo in Vorrei ma non posso, Alessia ha appena concluso il docufilm Ritratti in controluce: un viaggio attraverso l'Italia per affrontare i pregiudizi sulle capacità lavorative delle persone con disabilità visiva.

“Entro sempre in punta di piedi in queste storie: mi occupo da una vita di sociale, ma io non vivo queste situazioni sulla mia pelle”. Nell'incontro con la disabilità è fondamentale "guardare a quello che una persona sa fare, non a quello che non ha". 

Uno stereotipo di cui anche i ragazzi dell'Einaudi Scarpa e del Levi si sono resi conto: "Una volta entrato nel centro, il diverso ero io", racconta uno di loro.

“Non ci sono differenze che non ti permettano di collaborare”

Il valore di questa esperienza è riconosciuto dagli studenti stessi nelle loro testimonianze. Gli operatori dei centri sottolineano come sia positivo tanto per i ragazzi, che vivono da vicino una realtà spesso distante, quanto per i loro utenti, che sperimentano con curiosità e grande affetto l'arrivo di nuove persone.

“Bisogna passare da esperienze educativi forti, oltre la superficialità e i primi imbarazzi,” ne è convinto il professore Gianpiero De Bortoli, referente dell'istituto Einaudi. “Ciò che per noi è banale, per altri è una difficoltà enorme. Ti insegna nuove emozioni e nuovi modi di comunicare,” si legge nelle testimonianze degli studenti, colpiti dall'accoglienza calorosa. “Non ci sono differenze che non ti permettano di collaborare”.

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira