Menu

Ape sociale e pensioni precoci: novità in arrivo

Ape sociale e pensioni precoci: novità in arrivo

Con l’arrivo dell’APe Sociale e Volontario e le Pensioni ai Precoci, le possibilità di andare prima in pensione aumentano e si affiancano a quelle già esistenti riguardanti i lavori usuranti, l’opzione donna e il cumulo gratuito dei contributi.

Il primo passo è capire se ci sia almeno una possibilità di rientrare tra una di queste opportunità, sapendo bene che i requisiti sono complessi e vanno verificati perché non ci si improvvisa esperti, ma serve competenza e professionalità.

Per questo, il Patronato Acli ha messo a disposizione due test, accessibili online. Sarà possibile verificare se si possiedono i requisiti per accedere a APe Sociale e Pensione Precoci.

Sappiamo bene che l’estratto conto da solo non basta, sono l’intreccio dell’età anagrafica, dei contributi versati e di alcune condizioni che determinano la possibilità di raggiungere il requisito e così ottenere una determinata prestazione previdenziale.

Il test online, un sistema autonomo di verifica delle condizioni minime per il ricorso a una delle due opportunità, da analizzare e approfondire poi con l’aiuto dei nostri operatori e consulenti previdenziali. Attraverso quest’ultimi, potranno essere individuate le diverse ipotesi e quelle che, secondo valutazioni di opportunità e priorità, si possono rilevare le più rispondenti a specifiche esigenze.

Anticipare l’accesso alla pensione è una richiesta continua ai nostri sportelli.

L’invito al cittadino è chiaro: prima fai il test APe Sociale o Pensioni Precoci, controlla l’esito e poi segui le indicazioni che ti saranno date.

Bastano pochi minuti, è tempo ben investito per scoprire se c’è una possibilità di andare in pensione prima: meglio non perdere tempo!

Per fare il test APe Sociale e Pensione Precoci clicca qui

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira