Menu

Colf: trarre forza dalle lotte del passato

Colf: trarre forza dalle lotte del passato

Una "lezione" utile per i paesi che si avviano a regolamentare il lavoro domestico. E' quella che può offrire l'Italia, "laboratorio" interessante per alcuni motivi:

  1. il lavoro domestico è stato regolamentato abbastanza presto, ma in modo discriminatorio;
  2. esistono leggi, ma non sono sempre rispettate, tanto che è presente molto lavoro "nero" e "grigio";
  3. per molto tempo una parte importante dell’opinione pubblica pensava che il lavoro domestico scomparisse grazie alla modernizzazione e all’espansione dei servizi pubblici, ma esso ha invece registrato una crescita fiorente negli ultimi tre decenni.

"In altre parole - scrivono Raffaella Maioni responsabile nazionale Acli Colf e Raffaella Sarti docente dell'Università di Urbino in un contributo presentato alla 4a Conferenza della Rete per la regolamentazione per un lavoro dignitoso (Regulating for decent work network - Ilo) - ci sembra che il caso italiano possa fornire una "lezione" utile, per così dire, per gli quei paesi che si avviano oggi a regolamentare il lavoro domestico".

Leggi il contributo (pdf) >>>

Approfondisci la notizia >>>

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira