Menu

Esami CILS di italiano come lingua straniera: il calendario 2019

Esami CILS di italiano come lingua straniera: il calendario 2019

Il Patronato Acli e l'Università per stranieri di Siena organizzano gli esami CILS (per la Certificazione dell'italiano come lingua straniera) per i livelli linguistici A1, A2, B1, B2, C1, C2.

Gli esami si svolgono presso la sede delle Acli provinciali di Treviso, seguendo un calendario unico a livello nazionale.

Perché è importante e utile la certificazione CILS?

Il CILS si rivolge alle persone che non sono di madrelingua italiana e permette, a chi ne è in possesso, di meglio spendersi nel mondo del lavoro, degli studi e nella società stessa. 

Infatti, una volta superato l’esame, l’Università per stranieri di Siena rilascia un certificato, valido per sempre, che permette agli interessati di certificare a datori di lavoro, scuole e/o università, la propria competenza linguistica, permettendo viceversa a questi ultimi di conoscere con certezza il livello linguistico posseduto dal loro candidato.

Calendario 2019 delle date di esame

21 febbraio, 11 aprile, 30 maggio, 25 luglio, 24 ottobre, 3 dicembre

Attenzione: l'iscrizione deve essere effettuata almeno 40 giorni prima della data della sessione d’esame.

Sede di esame: Treviso, viale della Repubblica 193/A

Per informazioni, costi e iscrizioni
tel. 0422 543640 - 0422 1836144
email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indicazioni per eseguire il bonifico
Beneficiario: Patronato Acli
Iban: IT39 J030 6912 0801 0000 0003 560
Causale: esame CILS (indicare la data in cui si intende sostenere l’esame) 

Una volta effettuato il bonifico inviare copia della ricevuta e copia del permesso di soggiorno all'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira