Menu

Il punto sui progetti

  • Le Acli del Veneto per il progetto " Protetto - Rifugiato a casa mia "

    Le Acli del Veneto in collaborazione con le Acli Provinciali di Treviso hanno firmato la convenzione che prevede il via dell’attività relativa al progetto “ProTetto: Rifugiato a casa mia”, nel quale le ACLI stesse si impegnano ad affiancare Caritas Italiana con un fattivo supporto delle proprie strutture, servizi e persone.

    In concreto, le Acli del Veneto assieme alle Acli di Treviso sostengono con una parte delle risorse 5x1000 il progetto promosso da Caritas Tarvisina.

    Si ricorda che l’obiettivo del progetto è quello di favorire l’integrazione dei titolari... Leggi tutto

  • Che sorpresa! Ritornano le BABY ACLI

    Uno spazio per il tuo bambino? A Treviso arrivano le “Baby Acli”!

    Sarà gestito da alcune ragazze selezionate dal corso "Giovani donne giovani doti" ( edizione 2016) il mercoledi pomeriggio nella sede provinciale delle Acli e prevede un servizio di animazione per bambini fra i 3 e i 10 anni.

    A marzo 2016 si è svolto l’ultimo incontro del percorso formativo proposto “Giovani donne, giovani doti”, che ha impegnato 9 ragazze su temi riguardanti psicologia dello sviluppo, puericultura, animazione e orientamento al lavoro. Parte ora la fase “operativa” de... Leggi tutto

  • Secondo appuntamento "Brunch in compagnia"

    La Comunità di S. Egidio in collaborazione con il Centro della Famiglia di Treviso e l'Associazione "Famiglie2000", organizza il secondo appuntamento del BRUNCH IN COMPAGNIA previsto per Domenica 17 aprile 2016, presso Il Centro della Famiglia di Treviso in Via S. Nicolò 60.

    Si tratta di realizzare un momento aggregativo e conviviale attraverso un "Brunch" (colazione + pranzo),dalle 9.30 alle 12.00, per le persone senza fissa dimora o in situazione di marginalità sociale del nostro territorio.

    Per informazioni: Centro della Famiglia di Treviso, tel. 0422/582367

    ... Leggi tutto

  • Giovani donne, giovani doti: ecco l'incontro zero!

    Pronto il calendario del percorso formativo del progetto Giovani Donne. Le lezioni in aula cominciano con il primo incontro introduttivo giovedì 21 gennaio 2016 e si concluderanno a metà marzo.
    Le lezioni si svolgeranno di lunedì e giovedì pomeriggio, dalle 14.30 alle 16.30, presso la nostra sede Acli Provinciali di Treviso.

    QUATTRO le aree di competenza: l'orientamento al mondo del lavoro; gli aspetti di natura giuridico contrattuale; le questioni pedagogiche ed educative nella relazione/gestione/cura di un bambino; le informazioni tecnico professionali nel s... Leggi tutto

  • Al via la prima iniziativa del "Brunch in compagnia"

    Domenica 29 Novembre 2015 si è svolto il primo appuntamento del "Brunch in compagnia", iniziativa promossa dalla Comunità di Sant'Egidio in collaborazione con le Acli Provinciali di Treviso.

    >>> Guarda le foto dell'evento

    E' stato un bel momento quello di domenica, che ha visto circa una quarantina di persone senza fissa dimora e/o in situazione di marginalità sociale, condividere il pranzo all'insegna della convivialità e della voglia di stare assieme, con l'aiuto di ci... Leggi tutto

"Non di solo pane": avviati i tirocini

"Non di solo pane": avviati i tirocini flickr/buzzfarmers

QUANDO LE RELAZIONI DI AMICIZIA, LA PASSIONE, IL CORAGGIO E L'IMPEGNO POSSONO PROVARE A COSTRUIRE ALTERNATIVE DI VITA...

Potrebbe essere il nostro vicino di casa. Potremmo essere noi. L'immaginario sui senza fissa dimora, su quelli che vivono (e muoiono) per strada, non tiene più: la "crisi", ormai divenuta recessione, lo sta ridisegnando ovunque in Italia.

Anche nelle piccole, eleganti e ricche città di provincia del nord, come Treviso, che - secondo i dati del ministero dell'Economia e della Finanza (Mef) - è tra i primi 50 comuni italiani per reddito medio.

È qui che grazie ai fondi del 5x1000, le Acli hanno promosso con la Comunità di Sant'Egidio e Confcooperative un progetto-pilota – "Non di solo pane" – che prevede 10 percorsi di re-inserimento, anche lavorativo, per persone senza fissa dimora o in grave stato di marginalità.

Le Acli nazionali fanno il punto sul nostro progetto >>>

"Parliamo anche di persone con molte risorse personali: anni di lavoro alle spalle, capacità di tenere relazioni umane, una famiglia presente o alle spalle. “La mia opinione personale – continua Anna – è che questa ‘nuova’ marginalità sia molto legata all’indifferenza, a partire dal vicino di casa. E poi in questo periodo non è facile e quindi ciascuno tenta di resistere, però giudicando il problema dell’altro che non è stato in grado di cavarsela”. I circoli Acli potrebbero accreditarsi, non solo a Treviso, come presidi contro questa indifferenza? “Perché no – concorda Anna Simioni – Già solo avere un’opportunità di colloquio è per le persone che seguiamo un messaggio del tipo ‘noi ti vediamo’, non sei invisibile. E fa tanto”.

Torna in alto
Una famiglia deve avere una casa dove abitare, una fabbrica dove lavorare, una scuola dove crescere i figli, un ospedale dove curarsi e una chiesa dove pregare il proprio Dio

Giorgio La Pira